A passeggio sui tetti di Gerusalemme

Dicembre 14, 2021

Come i gatti, qui le persone passeggiano sopra le case. Che siano musulmane, ebree, cristiane, non importa. Nella città santa il cielo è di tutti. E sotto il cielo non c’è distinzione.

Gerusalemme. La città santa d’Israele. La città contesa e animata da mille volti diversi perché diverse sono le usanze antiche, le religioni di appartenenza. È in questo luogo che tutto inizia, che la storia si trasforma in quotidianità e si vive sulla pelle di chi a Gerusalemme abita.

Non è solo una città. È una sensazione, un’emozione da condividere, da esternare e che, non sempre, si riesce ad esprimere interamente perché mentre si scopre, Gerusalemme cambia aspetto. Ogni volta è nuova e ogni volta raccoglie una sfida. Quella più importante è la convivenza pacifica di più culture.

Cammino per le sue strade vedendo sfilare musulmani, ebrei, bambini con i riccioli che sfuggono dai tipici cappelli neri, viaggiatori, pellegrini. Qui c’è di tutto. E lo spazio è talmente vissuto in ogni suo angolo, talmente catturato dal desiderio che diventa bisogno di farlo proprio che, qui, a Gerusalemme le persone si trasformano in... gatti.

Non bastano le strade per conoscere la città. “Lei” vuole essere vista anche dall’alto. E allora eccomi, come altri, sui suoi tetti. Mi muovo agevolmente sui tetti delle case. Il percorso è semplice, comodo. È come camminare in strada, ma più in alto. Più in alto delle abitazioni. Più vicino al cielo.

Non c’è da scalare o da arrampicarsi. È sufficiente passeggiare, salire qualche gradino, inoltrarsi nei dedali di stradine create dai vari tetti e dalle differenti altezze delle case. E dall’alto non posso sapere a chi appartengano.  

La città santa d'Israele vista dal cielo!

Un modo per conoscere la città vecchia da un’altra prospettiva. Un modo, adesso forse l’unico, affinché Gerusalemme non abbia distinzioni. Sui tetti le tensioni della città santa si smorzano. Diventano più sfumate, più impercettibili e i luoghi di culto, cristiano, musulmano, ebreo, sembrano ancora più vicini di quanto non siano.

Formano un panorama unico fatto di guglie dorate, di croci, di mezze lune che si stagliano nel cielo come a volerlo raggiungere insieme. Seduta su uno dei tetti, sporgendomi un po’ in avanti, ascolto le voci di una famiglia, che nella propria lingua madre, chiacchiera ridendo.

Immagino che siano a tavola o davanti alla tv. È ora di cena e, mentre una voce femminile parla, quella maschile sembra rispondere, due bambini, correndo, sgattaiolano fuori dalla porta di casa. Probabilmente vanno a giocare. Li seguo con lo sguardo fin dove riesco, dall’alto della mia posizione, ma poi le strade si intrecciano, si aggrovigliano e li perdo.

Sento ancora quelle due voci. Mi domando cosa si dicano, di cosa parlino, forse dei conflitti politici, religiosi o, forse parlano dei figli, dei  parenti, del lavoro. Argomenti comuni a tutto il mondo. Poi tacciono. Resto ancora sui tetti. La sera, lentamente inizia a calare. Questa è l’ora che preferisco. Quella del crepuscolo. Quando il giorno e la notte, per un istante, si sfiorano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright  
2023
  © monicagenovese.com 

Powered by luisafassino.com

arrow-down